Cagliari

La petizione è stata lanciata sulla piattaforma Change.org

Sono quasi 53 mila (il dato è aggiornato alle 19 di oggi) le persone che hanno già firmato la petizione online multilingue lanciata sulla piattaforma Change.org per chiedere che in Sardegna vengano messi a dimora 100 milioni di alberi nei prossimi 5 anni.

La raccolta firme, lanciata appena quattro giorni fa, è rivolta al presidente della Regione, Christian Solinas.

In tantissimi – con le immagini ancora fresche degli incendi che hanno devastato migliaia di ettari, in particolare nell’Oristanese – hanno aderito da subito all’iniziativa.

“La Sardegna e il suo immenso e straordinario patrimonio naturale vengono devastati ogni anno da centinaia di incendi dolosi”, si legge nel testo della petizione.

Un testo che è stato tradotto anche in sardo, inglese, francese, tedesco e portoghese.

“Le fiamme distruggono tutto ciò che incontrano sul loro cammino”, si legge. “La desertificazione rischia di diventare un danno incalcolabile e irreversibile, non si può più aspettare, è tempo di agire prima che sia troppo tardi. Cambiamo rotta. Salviamo la Sardegna”.

Venerdì, 30 luglio 2021

Se ritieni che questa notizia possa essere integrata con ulteriori informazioni o con foto e video inviaci un messaggio al numero Whatsapp 331 480 0392

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.