Sdraiarsi su uno slittino di carbonio e lanciarsi come un proiettile a oltre 130 chilometri e andare a cogliere una medaglia di bronzo olimpica. Come si fa chiedetelo a Dominik Fischnaller, stupendo terzo nella gara, su quattro estenuanti manche (in Coppa del mondo sono due), dei Giochi olimpici di Pechino. Per l’Italia quella arrivata dallo slittino è la terza medaglia in due giorni dopo gli argenti di Francesca Lollobrigida nei 3000 metri del pattinaggio velocità e della staffetta mista dello short track.

Nella fredda notte cinese ci ha pensato questo ragazzone nato tra le montagne dell’Alto Adige – dove lo slittino gode di una lunga tradizione seppur non ci siano piste, come nel resto d’Italia – a infiammare l’atmosfera.

Un bronzo che arriva dopo un ciclo olimpico di astinenza e soprattutto dopo le sei medaglie consecutive di quel mito, di quella leggenda vivente che al secolo è Armin Zoeggeler, oggi direttore tecnico azzurro.

Leggi su https://www.agi.it/sport/news/2022-02-06/pechino-2022-dominik-fischnaller-bronzo-slittino-15520424/

L'articolo Olimpiadi di Pechino, bronzo nello slittino per Dominik Fischnaller proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.