Il sindaco: «Gli hotel a Costa Turchese li farei costruire domani. Murta Maria? Diventerà un giardino»

OLBIA. «Il nuovo Puc disegna una città migliore, ecosostenibile, a misura d’uomo, senza auto in centro e con sempre più spazi verdi e piste ciclabili». Il sindaco Settimo Nizzi racconta il piano urbanistico appena votato a maggioranza dal consiglio comunale dopo tre giorni di maratona in aula per esaminare le 800 osservazioni presentate dai cittadini (22 approvate all’unanimità). 

Su Costa Turchese e gli hotel a Capo Ceraso: «Due alberghi a 5 stelle che porteranno in dote 500 ettari di verde riqualificato. Un valore enorme per la città, che l’ente pubblico da solo non potrebbe mai realizzare, il privato sì. Per quanto mi riguarda, questi alberghi li farei costruire già domani».

E su Murta Maria. «La frazione diventerà un giardino – dice il sindaco–. Il Puc prevede nuovi insediamenti per circa duemila persone ma saranno restituite all’uso pubblico grandi porzioni di territorio che diventeranno spazi verdi, servizi e nuova viabilità». 

L'intervista completa sul giornale in edicola e nella versione digitale

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.