Nuovo Dpcm di Conte dal 16 gennaio: zone rosse più facili, niente cene in ristorante, ancora alt a palestre e piscine. Nessun allentamento dal 16 gennaio, anzi si studiano ulteriori strette: l’Iss propone la zona rossa per le Regioni che avranno più di 250 contagi ogni 100mila abitanti. Confermato lo stop alle 18 per bar e ristoranti e il coprifuoco alle 22, palestre e piscine chiuse ma con una sola deroga possibile. Si studia infatti un protocollo che possa consentire la ripresa degli allenamenti solo individuali nelle palestre. Di fatto colo con un personal trainer o con ingressi cadenzati e contingentati con un unico atleta nelle strutture. Se verranno confermate le indiscrezioni pubblicate oggi da Corriere e Repubblica, saranno vietati gli spostamenti tra Regioni anche nelle zone gialle: la Sardegna resterà dunque isolata.

Lunedì il vertice con le Regioni: il governo potrebbe istituire nuovi colori, le fasce bianche o verdi, per le Regioni che avranno in futuro un indice Rt medio inferiore allo 0,5, quello fatidico che potrebbe consentire le riaperture. Ma attenzione: tutti i weekend di gennaio potrebbero essere segnati in zona arancione nazionale, per evitare altri contagi. E’ questa una delle misure più importanti allo studio del governo per il nuovo Dpcm che sarà presentato nei prossimi giorni, prima della scadenza del 15 gennaio di quello attualmente in vigore. Chiusura confermata, purtroppo, per teatri e cinema almeno sino a febbraio. Mentre le scuole superiori, in Sardegna, riapriranno in presenza a febbraio come stabilito dall’ordinanza di ieri notte del governatore Solinas.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

L'articolo Nuovo Dpcm di Conte dal 16 gennaio: zone rosse più facili, niente cene in ristorante, ancora alt a palestre e piscine proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.