Nuove risorse per agricoltura, pesca, acquacoltura e florovivaismo
Ristori per le imprese con il decreto Sostegno, raddoppia il Fondo Filiere (300 milioni)

Per sostenere le imprese del comparto agricolo e della pesca, il ministro delle Politiche agricole Stefano Patuanelli nel decreto legge “Sostegno” punta su politiche di filiera, decontribuzione e ristori sulle perdite di fatturato. Il testo approvato dal Consiglio dei ministri, prevede per il comparto primario il riconoscimento di un contributo a fondo perduto, a condizione che l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi del 2020 sia inferiore per almeno il 30% rispetto al 2019.

A ciò si somma l’esonero contributivo previdenziale e assistenziale per gennaio 2021, per cui è previsto uno stanziamento pari a 301 milioni di euro. Infine, il Fondo filiere istituito nell’ultima legge di bilancio raddoppia e arriva 300 milioni di euro.

Per quanto concerne i ristori, saranno ricalcolati sul 60% della differenza tra i fatturati e corrispettivi medi mensili 2019/2020 per i soggetti con ricavi o compensi sino a 100mila euro, per poi scendere sino al 20% per chi raggiungeva i 10 milioni di euro. In ogni caso, il contributo non potrà essere superiore a 150mila euro e sarà comunque riconosciuto un minimo di 1.000 euro per le persone fisiche e di 2.000 per gli altri soggetti.

L’esonero contributivo, invece, segue quanto già previsto dal decreto “Ristori” del Governo Conte-bis ed è dedicato alle imprese di “coltivazioni agricole e produzione di prodotti animali, caccia e servizi connessi; silvicoltura e utilizzo di aree forestali; pesca e acquacoltura; produzione di vini, vini speciali e birra; commercio all’ingrosso di sementi e alimenti per il bestiame (mangimi), piante officinali, semi oleosi, patate da semina; commercio all’ingrosso, al dettaglio e ambulante di fiori, piante, bulbi, semi e fertilizzanti; attività di alloggio e ristorazione connesse alle aziende agricole; cura e manutenzione del paesaggio inclusi parchi, giardini e aiuole; servizi di gestione di pubblici mercati e pese pubbliche”.

A definire meglio la destinazione dei 300 milioni di euro del Fondo Filiere saranno uno o più decreti del Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali.

Luciano Cadeddu

“Non possiamo che esprimere la nostra massima soddisfazione per l’attenzione rivolta a tutte le filiere del comparto agricolo, della pesca e acquacoltura, della silvicoltura e florovivaismo”, sottolinea il deputato Luciano Cadeddu, componente M5S in Commissione Agricoltura alla Camera.

“Se da un lato si interviene con misure orizzontali a beneficio di tutti, come la decontribuzione e i ristori sul fatturato”, spiega il parlamentare di Uras, “dall’altro si pongono le basi per il rilancio economico futuro. Il Parlamento è pronto a fare la propria parte per meglio indirizzare la spesa dei 300 milioni di euro del Fondo Filiere, a cui vanno sommati i 10 milioni per le filiere minori. Interventi che come Movimento 5 Stelle abbiamo fortemente voluto, sin dal Governo Conte-bis, per pianificare la ripresa dei comparti agricoli e della pesca puntando sull’innovazione tecnologica, la sostenibilità, l’aggregazione, la promozione: direttrici chiave nella creazione di valore aggiunto per le nostre imprese e per la crescita della produttività e dei posti di lavoro”.

“Queste risorse”, conclude Cadeddu, “aggiunte al PNRR e al Piano Strategico della nuova PAC, possono permetterci di far fare alle nostre agricoltura e pesca il salto di qualità tanto atteso da tempo. Confidiamo nel lavoro del ministro Patuanelli, a cui non faremo mancare il nostro apporto e la nostra collaborazione”.

Lunedì, 22 marzo 2021

L'articolo Nuove risorse per agricoltura, pesca, acquacoltura e florovivaismo sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.