L'uomo è accusato di atti persegutori e danneggiamento

NUORO. I poliziotti della Squadra Mobile hanno eseguito una misura cautelare del divieto di dimora emessa dal Gip di Nuoro per i reati di atti persecutori e danneggiamento, nei confronti di un pensionato residente in città. «L’attività - si legge in una nota della questura di Nuoro - trae origine da un episodio doloso avvenuto nei primi giorni di novembre 2020 quando una volante è intervenuta in via Santa Barbara, per l'incendio di due autovetture. Le conseguenti indagini avevano consentito di individuare l'autore del reato, proprio nel vicino di casa del proprietario del veicolo. Il movente dell’episodio era legato a problemi di vicinato. All’uomo sono stati addebitati molteplici atti vandalici che nel tempo si sono verificati ai danni dei veicoli della famiglia della vittima. In particolare, un incendio auto del 2018, la foratura di due pneumatici nel 2019, un ulteriore danneggiamento di pneumatici nel settembre 2020, l'incendio dell’auto nel novembre 2020. Da ultimo, l’episodio del 22 gennaio quando è stato dato fuoco al veicolo sul quale era installato un impianto Gpl. L’eventuale deflagrazione della bombola avrebbe potuto comportare gravi danni al condominio e alle persone».

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.