Christian Solinas

Cagliari

Condanna per il capo di gabinetto

Rinvio a giudizio per abuso d’ufficio per il presidente della Regione Sardegna, Christian Solinas, e condanna a 2 anni e 8 mesi per la sua capa di gabinetto, la magistrata del Consiglio di Stato, Maria Grazia Vivarelli, accusata anche di induzione indebita.

Sono le decisioni della gup del tribunale di Cagliari Ermengarda Ferrarese, comunicate poco dopo le 19.30 a conclusione di un’udienza cominciata alle 15 e sospesa attorno alle 18.45, quando la giudice si è ritirata per deliberare sulle richieste del pm Andrea Vacca.

L’inchiesta riguarda le nomine, ritenute illegittime dall’accusa, della direttrice generale della presidenza della Giunta regionale, l’avvocata Silvia Curto, e del dg della Protezione civile, l’ingegner Antonio Pasquale Belloi. Solinas non era presente quando Ferrarese ha si è pronunciata sul suo rinvio a giudizio.

I legali sono usciti dall’aula al quinto piano del palazzo di giustizia senza rilasciare dichiarazioni.

Solinas dovrà comparire il prossimo 15 dicembre davanti alla seconda sezione del tribunale civile di Cagliari.

È stata stralciata, invece, la posizione dell’assessora al Personale, Valeria Satta, accusata anche di tentata concussione, sempre per le presunte nomine illegittime. La decisione sul suo rinvio a giudizio, davanti a un altro gup, slitta al prossimo 10 novembre. (AGI)

Lunedì, 3 ottobre 2022

 

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.