L’onda blu dei parcheggi a pagamento, a Cagliari, va avanti. L’ultima infornata riguarda anche la via Scano, e presto anche via Sonnino e piazza De Gasperi. Stalli liberi che scompaiono, e i cagliaritani non gradiscono. Come nel caso di Leonardo Frau, pensionato: “Contrario alle strisce blu, è giusto invece che chi arrivi da fuori possa trovare parcheggio senza stare a scervellarsi girando alla ricerca di un posto libero”, sostiene. “C’è stato il Covid, poi altre spese, ora dobbiamo impelagarci in altri piccoli ma ulteriori pagamenti” che vanno ad aggiungersi “a tutti quelli che affrontiamo ogni giorno? No, il comune deve dare la possibilità a tutti i cittadini di trovare un parcheggio” e, scontato dirlo, senza dover mettere mano al portafoglio.“Noi pensionati siamo già gravati di spese e tasse, non è giusto che ci soffochino con altri pagamenti”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.