“No alla legge regionale 107. Tutto il potere sarebbe nelle mani di Solinas”
La denuncia dei consiglieri del M5S: “Costi milionari e meno indipendenza degli assessori”

Il presidente della Regione, Christian Solinas

“Domani in Consiglio regionale si discuterà la famigerata legge 107, la riforma dell’Ufficio di Presidenza della Regione. Un disegno di legge direttamente riconducibile al presidente Solinas e ai suoi fedelissimi, attraverso il quale il governatore mira ad accentrare su di sé tutto il potere della Regione, azzerando di fatto le prerogative degli assessori che si ritroveranno a lavorare all’interno di assessorati di fatto commissariati”.

Così i consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle – Michele Ciusa, Desirè Manca, Roberto Li Gioi e Alessandro Solinas – spiegano le ragioni per le quali domani esprimeranno il proprio dissenso nei confronti di questa riforma, già contestata in diverse sedi.

Alessandro Solinas

“L’assurdo scopo di questa legge dai costi esorbitanti”, attaccano i consiglieri del M5s, “è quello di creare nuovi livelli gerarchici, una nuova piramide gestionale composta da figure legate a doppio filo alla maggioranza, che renderanno il processo amministrativo ancora più complicato, senza garantire affatto una migliore resa della nostra amministrazione regionale”.

“In questo periodo di emergenza sanitaria ed economica”, proseguono i quattro consiglieri regionali, “quando la priorità dovrebbe essere erogare con urgenza i fondi promessi alle tante categorie in ginocchio, il presidente della Regione porta avanti una riforma che costerà alle casse regionali almeno 6 milioni di euro”.

“Con questo nuovo assetto in Regione ci sarà il segretario generale della Presidenza e subito sotto avremo i tre direttori di dipartimento, i quali dovranno gestire quattro assessorati a testa. A loro volta, i tre direttori di dipartimento risponderanno al presidente Solinas. Ma non è finita qui. Per quanto riguarda gli assessori, infatti, gli stessi verranno ulteriormente controllati da una terza figura, quella del consulente del presidente. Insomma, ci domandiamo, quanto varrà alla fine la parola di un assessore? Nulla, dal momento che verrà imbrigliato in questa maniera”.

“In sintesi”, concludono Ciusa, Manca, Li Gioi e Solinas, “si punta ad aumentare a dismisura le figure apicali senza tener conto delle reali necessità della macchina amministrativa regionale, che andrebbe snellita e armonizzata, anziché ingolfata. Le conseguenze di questo provvedimento, se dovesse essere approvato, si ripercuoteranno sulla vita dei cittadini sardi. Sarebbe l’ennesima sconfitta subita dalla Sardegna in questa legislatura”.

Martedì, 6 aprile 2021

L'articolo “No alla legge regionale 107. Tutto il potere sarebbe nelle mani di Solinas” sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.