Lancio di bottiglie di vetro, di sedie e bidoni della spazzatura.

Momenti di tensione e violenze ieri notte in via Napoli, a Cagliari, per una rissa che ha coinvolto diverse persone.

Alla fine, dopo l'intervento dei Carabinieri, della Polizia locale e delle pattuglie del Reparto prevenzione e crimine, una coppia è stata accompagnata nella caserma di via Nuoro.

Ci sono stati anche due o tre feriti: clienti che si trovavano nella zona della rissa e che sono rimasti loro malgrado coinvolti nel lancio di bottiglie.

Non hanno riportato conseguenze gravi.

Tutta colpa, secondo le prima ricostruzione dei Carabinieri e della Polizia locale, di una discussione tra un nigeriano, in compagnia della fidanzata sarda, e un gruppo di persone in un ristorante alla Marina.

Dalle parole si è passati ai fatti.

Lo straniero ha iniziato a lanciare delle bottiglie di vetro che si trovavano in un contenitore della spazzatura.

Gli altri hanno risposto con sedie e vari oggetti.

Le sirene delle pattuglie di Municipale, Carabinieri e Polizia di Stato hanno interrotto la rissa.

Sono stati ascoltati alcuni testimoni e alla fine la coppia è stata accompagnata in caserma per gli ulteriori accertamenti.

I due potrebbero essere denunciati.

Sul posto anche le ambulanze del 118.

Fonte: L'Unione Sarda

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.