“Niente più piante di eucaliptus e acacia saligna nel Sinis”
Appello alla Forestale da una neonata associazione civica: “Si sta stravolgendo l’identità del territorio”

Il parco comunale Oasi di Seu

Niente più piante di eucaliptus e acacia saligna nel Sinis. È la richiesta mossa dalla neonata “Associazione civica per la tutela e la promozione del territorio e oltre” per tutelare il territorio. Attraverso una nota, il presidente dell’associazione Dario Cossu chiede agli enti forestali di non fornire più le due piante aliene ai proprietari terrieri che ne fanno richiesta per utilizzarle come frangivento.

La richiesta è mossa dall’intento salvare il Sinis da una “azione di stravolgimento del territorio e dell’identità del Sinis”, che l’associazione attribuisce, oltre alla piantumazione di specie arboree aliene, alla costruzione di false case agricole e all’aratura indiscriminata delle aree confinanti con la fascia costiera.

“Il Sinis che vediamo oggi non ha più il volto antico tanto decantato che le persone più anziane ricordano: quel Sinis cantato dall’oculista dott. Salvatore Baldino nel poemetto Sa Giorronnada de Conch’iattu o dalla penna incantatrice di Giuseppe Pau non esiste più”, commentano dall’associazione presieduta da Dario Cossu.

“Chiediamo che venga fermata l’azione di stravolgimento del territorio”, scrivono i cittadini riuniti nell’associazione civica, “e che, nel contempo, si metta in atto un recupero, almeno parziale, dell’antico volto con la piantumazione di specie vegetali autoctone da sempre presenti nel Sinis, come attestano i suoi tanti toponimi: la macchia mediterranea, i lecci, le sughere, i ginepri, le tamerici”.

L’associazione contesta soprattutto, appunto, la piantumazione di eucaliptus e acacia saligna, che “ha inferto una ferita ad aree pregiate ed ecologicamente vulnerabili, quali le rive dei due stagni principali Mare ‘Pontis e Mistras, nonché gran parte delle paludi e zone umide prossime ad essi”.

“Non si salvano neppure aree limitrofe ed insediamenti nuragici importanti, né i pendii del tavolato del Sinis. Anche la meravigliosa oasi di Seu-Maimone è avvolta in tutto il suo perimetro da una fitta cintura di eucaliptus e acacia saligna”, continua il documento, e tutto questo calpesta “spirito e contenuti dei vari vincoli posti a tutela del territorio del Sinis”.

“Tutto ciò è avvenuto non solo nel silenzio e indifferenza di amministratori comunali, cittadini, organi di informazione, associazioni ambientaliste organismi istituzionali di controllo e tutela del territorio”, denuncia l’associazione civica. “Purtroppo un ruolo determinante nella diffusione delle due specie arboree è da attribuire alla Regione Sardegna attraverso i vari Enti forestali, con la fornitura, quasi sempre gratuita, delle giovani piantine agli agricoltori e ai proprietari terrieri del Sinis”.

“Riteniamo necessaria l’introduzione, da parte degli organismi competenti, di norme che in modo chiaro e perentorio, vietino la piantumazione delle predette specie su tutto il territorio del Sinis”, specificano dall’associaizone, facendo riferimento a una ritrovata generale sensibilità ambientale e consapevoli che “il territorio del Sinis è elemento fondamentale per lo sviluppo sociale ed economico dei comuni a cui esso appartiene e dell’intera provincia di Oristano”.

 

Venerdì, 19 giugno 2020

L'articolo “Niente più piante di eucaliptus e acacia saligna nel Sinis” sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.