“A rischio le vaccinazioni per ottantenni e persone fragili in Sardegna”. L’annuncio è dell’assessore regionale alla Sanità Mario Nieddu, intervistato poco fa da Radio Castedu: “Ho appena terminato la videoconferenza col ministro Speranza e il commissario Arcuri”, ha dichiarato Nieddu, “abbiamo fatto il punto della situazione. Purtroppo non avremo a sufficienza le dosi dei vaccini Pfizer e Moderna, arriveranno quelli di Astrazeneca che però sono destinati agli under 55 e questo quindi mette a rischio la fase due e non ci consentirà di vaccinare gli anziani, le persone fragili, quelle con comorbilità. Le Rsa le copriamo perché sono quelli della fase 1 con lungodegenze e strutture per anziani. L’unica possibilità è quella dei vaccini Pfizer opzionati dall’Italia e rimasti nelle quote invendute”.

Sulla conferma della zona arancione Nieddu ha ricordato che i numeri sono da tempo “da zona gialla, il giorno prima della classificazione dissi al ministro che avrei inaugurato 30 posti letto il giorno dopo e lui mi ha detto che l’automatismo non consentiva deroghe”.

Poche possibilità sulle riaperture consentite dalla zona gialla già da domenica: “Hanno cambiato la modalità”, conclude Nieddu, “e ora stanno partendo dal lunedì per evitare gli assembramenti, io l’avevo fatto presente, avevo cercato di salvare la domenica per aiutare le imprese, ma ora questa modifica le danneggia, farò il possibile affinché si torni di domenica”.

L'articolo Nieddu: “A rischio le vaccinazioni per anziani e persone fragili in Sardegna” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.