Primi casi di contagi nelle scuole sarde da quando ci sono le nuove regole del Governo e primi studenti, non vaccinati, costretti a fare cinque giorni di didattica a distanza. La denuncia arriva dai Cobas della Sardegna, con il suo rappresentante regionale Nicola Giua: “Dopo la diffida inviata ieri a tutti i dirigenti scolastici delle scuole sarde abbiamo avuto notizia che anche in Sardegna sono già iniziati gli allontanamenti dalla scuola, per almeno 5 giorni, di alunni non vaccinati delle scuole superiori, medie ed elementari per le classi in quarantena.I vaccinati rimangono in classe e i non vaccinati stanno a casa”, afferma Giua.“Tutto ciò è stato vergognosamente deciso con gli ultimi decreti Legge del Governo italiano quale fulgido esempio di ciò che non dovrebbe essere consentito nella scuola pubblica. Il tutto è stato previsto dal ‘Governo dei migliori’ senza che esista alcun obbligo vaccinale ma appare soltanto una misura gravemente discriminante che tende a convincere i genitori a vaccinare i propri figli, già ampiamente discriminati per il divieto di svolgere tante altre attività sociali, sportive e culturali. Ricordiamo che la scuola è, e dovrebbe rimanere, un luogo aperto, inclusivo, accogliente e nel quale i nostri ragazzi e bambini dovrebbero continuare a frequentare con fiducia e serenità, già gravemente intaccata dagli ultimi due anni di restrizioni”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.