Nell’Area marina protetta nuove linee d’ormeggio e quattro boe
Si parte da Capo San Marco. Subacquei al lavoro fino a giovedì 23 luglio

Lavori in corso nell’Area marina protetta Penisola del Sinis – Isola di Mal di ventre. Da questa mattina il personale subacqueo della Turismar sarà impegnato con il posizionamento di 44 corpi morti e di 4 boe. Si parte dal tratto di mare compreso tra la caletta di Capo San Marco e l’area archeologica di Tharros: tra oggi e domani gli operai collocheranno 29 corpi morti e le linee di ormeggio.

Da lunedì si passerà poi all’isola di Mal di ventre, dove verranno posizionati 9 corpi morti. Martedì e mercoledì la Turismar – che si utilizza il motopontone “Argo” – si sposterà allo scoglio del Catalano. Lo scoglio sarà delimitato da 4 boe poste a protezione della zona di riserva integrale.

L’ultimo tratto di mare interessato sarà quello che si affaccia sulla torre di Seu: lì saranno collocati 6 corpi morti.

La Capitaneria di porto di Oristano informa che nelle giornate di posa dei corpi morti e delle boe uno specchio d’acqua con raggio di 100 metri dal moto pontone “Argo” sarà interdetto alla navigazione.

Venerdì, 17 luglio 2020

L'articolo Nell’Area marina protetta nuove linee d’ormeggio e quattro boe sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.