Controllo dei Nas in una macelleria trovata, tra l'altro, con ambienti in pessime condizioni igieniche

CARBONIA. Un quintale e mezzo di carne suina priva di qualsiasi tracciamento e documentazione sanitaria e commerciale è stato sequestrato dai carabinieri del Nas di Cagliari in una macelleria di una località del Sulcis. Ieri gli specialisti del Nas, dopo aver ricevuto la segnalazione da parte dei colleghi carabinieri della locale stazione, hanno ispezionato la macelleria gestita da un 45enne e accertato la presenza in vendita di complessivi 150 chili di carni suine, prive di qualsiasi riferimento, indicazione o documentazione commerciale, nonché dei prescritti bolli sanitari a garanzia della salubrità alimentare.

I militari hanno inoltre constatato delle carenze igieniche in tutti gli ambienti dell’esercizio, dovute alla mancata corretta effettuazione dell’ordinaria attività di pulizia. La merce in trattazione, per un valore commerciale approssimativo di 2mila, è stata sottoposta a sequestro amministrativo. Il macellaio è stato segnalato alla competente autorità amministrativa e sanitaria poiché ritenuto responsabile di illeciti amministrativi inerenti la rintracciabilità di alcuni prodotti dei quali non si potevano ricostruire origine geografica e provenienza aziendale.

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.