Una strada di Ilbono, cuore della Sardegna, illuminata solo da qualche lampione. Auto parcheggiate ai lati, l’unica persona presente è quella che scatta la fotografia. Una sera di inizio novembre, periodo di pandemia e di restrizioni già firmate e in arrivo tra meno di gue giorni. “Coprifuoco alle 22”. Una decisione nazionale che viene contestata, con l’utilizzo del tema della narrazione dall’ex sindaco di Ilbono, Andrea Piroddi. Il senso sembra essere: sì, il virus c’è, ma in questo periodo chi eche esce di casa dopo una certa ora? Ecco, di seguito, il pensiero pubblico di Piroddi.

 

“Ilbono, mercoledì 4 novembre ore 22 in punto. Manc’anima in giro. E son sicuro che in tutti i paesi della Sardegna la situazione sia identica. Nei nostri paesi (non da oggi) vige già un coprifuoco, per così dire, naturale. Le persone la sera non escono più, men che meno quando inizia a fare freddo. Che senso ha imporre il coprifuoco alle h. 22 nelle nostre bidde(paesi)? In quale pianeta vivono i nostri politici?”. 

L'articolo “Nei paesi della Sardegna c’è già un coprifuoco naturale, che senso ha imporlo alle 22?” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.