Una finale senza maxischermi: le piazze di Cagliari e Sassari sono vietate ai tifosi per la partita di domenica prossima, la finale degli Europei di calcio che vedrà schierate l’una contro l’altra l’Italia e l’Inghilterra. I due primi cittadini hanno scelto la linea di Beppe Sala, primo cittadino di Milano, mentre in piazza del Popolo a Roma il maxischermo ci sarà. I più fortunati, nel capoluogo, potranno guardare la partita sullo schermo nell’arena del Cus, dove però l’ingresso è riservato solo a studenti e soci. E’ invece sempre possibile guardare la partita nei locali, all’aperto o al chiuso utilizzando la mascherina.

Il divieto ai maxischermi è naturalmente dovuto alla paura degli assembramenti, viste anche le scene viste durante e dopo la semifinale, in un momento in cui il Covid rialza la testa, con la Sardegna che passa da rischio basso a moderato e l’indice Rt risalito a 1,09. Una situazione delicata in cui è davvero vietato sbagliare: anche in casa Azzurri, con tre persone contagiate nonostante i controlli serrati e costanti.

L'articolo Nazionale senza maxischermi per la finale degli Europei: piazze vietate a Cagliari e Sassari proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.