Enzo Fiore apre attività in Inghilterra. Fermate due persone

(ANSA) - NAPOLI, 17 OTT - Oppresso dagli estorsori della camorra decide di mollare tutto, preoccupato per l'incolumità della famiglia, e si trasferisce nel Regno Unito dopo aver contribuito al fermo di due taglieggiatori: è la vicenda di Vincenzo Fiore, 42enne pizzaiolo, che ha avviato in quel Paese una nuova attività commerciale. Fiore, riferiscono oggi organi di stampa, è stato minacciato più volte da appartenenti ad un clan i quali hanno avanzato richieste di pizzo al termine del lockdown, a giugno, quando aveva riavviato l'attività. Richieste reiterate. Alla fine di agosto, il commerciante, titolare del locale ' 'o Curniciello', si è rivolto alle forze dell'ordine le quali, grazie anche alle immagini del sistema di videoprotezione del negozio, identificano e fermano due persone.

L'imprenditore - che ha aperto un locale in GB con lo stesso nome - su fb alcuni giorni fa ha fatto riferimento alla sua esperienza. Ha scritto sul canale social tra l'altro: "Oggi è il mio compleanno e lo voglio festeggiare da top player, perchè solo uno che ha veramente le palle di osare poteva prendere una decisione del genere". E ancora: "Da un giorno all'altro mi sono trasferito con tutta la mia famiglia (la ringrazio infinitamente per il sostegno e la forza che mi danno gni giorno) in un'altra Nazione aprendo una nuova attività e portando con me i sapori veri di Napoli". (ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.