C’è la musica che ha messo per decenni nei club e nelle discoteche dove ha fatto le serate, i suoi amici di sempre, i colleghi di lavoro, ovviamente i genitori e i fratelli, il sindaco Sandro Porcu e altri suoi colleghi di altri Comuni di quel Sarrabus dove Alessio Massessi, il dj imprenditore 38enne, era riuscito a costruire la sua fortuna lavorativa. Lo stabilimento Sunshine Rey a Costa Rei, il Carnevale sarrabese, le serate dance. Poi, tutto cancellato dal tragico schianto avvenuto due giorni fa a Castiadas. Al funerale nella chiesa di Santa Maria si è respirato un clima di profonda tristezza, coperta solo in parte dalla consolle di Massessi, portata sul sagrato per l’occasione e adornata con palloncini bianchi. La musica ha trionfato prima e dopo il funerale: don Franco Serrau ha ricordato, nell’omelia, quel ragazzo benvoluto da tutti, sempre volenteroso e pronto a nuove sfide. In prima fila, straziati dal dolore, i genitori e i due fratelli di Alessio Massessi.All’uscita della bara, un lungo applauso e il ritorno della musica dance ha reso meno amaro un pomeriggio di lutto per tutto il Sarrabus: “Ora suona tra gli angeli, sarai per sempre il nostro deejay”.Per le foto si ringrazia: Angelica Porcu

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.