Lacrime e commozione a Muravera per l’ultimo saluto ad Alessandro Perra, il 53enne morto ieri in spiaggia a Feraxi. La chiesa della Vergine di Nazareth, consacrata a Giovanni Paolo II, ha accolto circa duecento persone per l’ultimo saluto a Perra. È stata la moglie Sonia ad aver scelto proprio una delle chiese del paesino per il funerale del marito, visto che i suoi parenti sono originari di Muravera. La donna, da anni, viveva a Selargius insieme a Perra e ai loro due figli. Il 53enne, ieri, ha visto in difficoltà proprio uno di loro a bordo di un materassino nelle acque di Feraxi, e ha cercato di salvarlo. Poi, il malore fatale. La funzione religiosa è stata celebrata, alle 17, da don Emilio Manca: “Conosco Sonia, le ho detto di farsi forza in questo momento tragico e di non smettere mai di pregare e cantare. Lei mi ha detto che, un giorno, conta di tornare qui a Muravera”. Solo silenzio all’uscita della bara dalla chiesa, dopo la messa.

 

L’ultimo viaggio di Alessandro Perra, il “papà eroe” conosciutissimo anche a Cagliari (è stato il titolare de Lo Squisito in via Tiziano) non è durato molto. È stato infatti seppellito nel cimitero del paese, in via Roma, a poca distanza dalla chiesa. Tutti hanno seguito l’auto con gli occhi bassi e gonfi di lacrime: “Addio Alessandro”, “Ciao, papà eroe”, queste le parole sussurrate da qualche presente mentre accarezzava i tanti fiori posati accanto alla bara.

L'articolo Muravera, chiesa strapiena per l’ultimo saluto ad Alessandro Perra: “Addio, papà eroe” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.