È un’Immacolata senza sorrisi ma con tanto, tanto dolore, quella che sta vivendo la comunità di Villasalto, in Sardegna. Federica Cappai, ad appena 34 anni, è morta. La giovane, conosciutissima in paese, se n’è andata ieri sera: un malore improvviso e l’inutile corsa in ambulanza verso il Brotzu. La giovane ha chiuso gli occhi per sempre tra le braccia dei soccorritori. La notizia della sua scomparsa ha subito fatto il giro del paese. Federica lascia il marito, Damiano, col quale era sposata da sette anni, e i genitori. A ricordarla con la voce rotta dalla commozione è il sindaco di Villasalto, Leonardo Usai, che è anche parente della 34enne: “Federica era nata con una malformazione cardiaca, aveva superato vari interventi ed era sempre sotto controllo proprio al Brotzu. Sino a un mese fa era ricoverata, poi era tornata a casa. Era una lottatrice, la sua malattia non le aveva impedito di studiare e di dare concorsi. Ha lavorato anche per il Comune, tempo fa”. E proprio ieri il telefono della sua abitazione ha squillato. Dall’altro capo del telefono c’era la responsabile delle comunicazioni di un altro Comune: “Le avevano comunicato che si sarebbe dovuta presentare per iniziare un lavoro da amministrativista per il quale aveva fatto il concorso e spedito i documenti, come mi ha riferito la madre”. Villasalto perde una ragazza davvero speciale: “Aveva adottato un ragazzino dell’est Europa, ogni anno trascorrevano tanti mesi insieme”. Il funerale di Federica Cappai sarà domani, venerdì 9 dicembre 2022, alle quindici, nella chiesa di san Michele Arcangelo.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.