Il limite di velocità superato? Di un chilometro: ottantuno anzichè ottanta, “tenuto conto della riduzione parti al 5% della velocità con minimo di cinque chilometri orari”: Risultato? Multa da cinquantasei euro e venti centesimi, recapitata a Tiziano Sinis, sessantaduenne di Assemini, ex camionista. L’infrazione è avvenuta, stando al verbale della polizia Locale di Decimomannu, lo scorso otto ottobre alle 23:04. Sinis era al volante della sua Opel Astra sulla Ss 130 quando è stato pizzicato dall’autovelox, segnalato con tre cartelli posti a mille, 630 e 250 metri di distanza. La multa gli è stata recapitata due giorni fa, e l’uomo è rimasto sbigottito. E si è infuriato.“Stavo tornando a casa dopo aver aiutato mio fratello in pizzeria a Villaspeciosa. Per un solo chilometro orario in più dovrò pagare la bellezza di cinquantasei euro”, osserva l’uomo. “Questo, per me, vuol dire fare cassa. Ho fatto il camionista per trentacinque anni, non ho mai preso una multa per eccesso di velocità”. Sinis ha pensato di fare ricorso, ma sembra essersi arreso: “Per farlo dovrei mettere di mezzo un avvocato e penso che spenderei di più. Quindi, seppur a malincuore e con la rabbia, andrò a pagare la multa. Ma, ripeto, per me è un’ingiustizia bella e buona”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.