'Vaccinarsi è un dovere religioso e nazionale'

(ANSA) - TUNISI, 30 MAR - Il Mufti della Repubblica tunisina, Othman Battikh, ha dichiarato che il vaccino anti-covid non interrompe il digiuno del mese sacro di Ramadan, il cui inizio è previsto per la metà di aprile, invitando i tunisini a continuare ad aderire alla campagna di vaccinazione nazionale e a farsi vaccinare anche durante il mese di Ramadan.

Battikh, in una nota sulla pagina facebook dell'ufficio di Al Iftaa che presiede, ha spiegato che i vaccini non sono "prodotti nutrienti" e che quindi la vaccinazione non è incompatibile con il digiuno. La massima autorità religiosa della Tunisia ha sottolineato inoltre come il fatto di vaccinarsi per proteggersi e per proteggere il prossimo sia un dovere religioso e nazionale.

Secondo gli ultimi dati del ministero della Sanità di Tunisi sono oltre 50 mila le persone ad aver già ricevuto la prima dose di vaccino in Tunisia. La campagna di vaccinazione nazionale è cominciata lo scorso 13 marzo. (ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.