Il Comitato Rumore no Grazie ha presentato al Presidente della Giunta Regionale, all’Assessore Regionale dell’Ambiente, alla Direttrice generale della difesa dell’ambiente e alla Direttrice Servizio Tutela dell’atmosfera e del territorio formale “Diffida ad adempiere” ai doveri d’ufficio assicurando l’avvio delle procedure di nomina di uno o più  commissari ad acta in applicazione dell’ art. 9 Legge regionale 9/2006 per inottemperanza del Comune di Cagliari agli obblighi  dell’adozione del Piano di Risanamento Acustico, con l’espresso avvertimento che, in difetto, sarà presentato un esposto alla competente autorità giudiziaria affinché valuti se ricorrono gli estremi del reato di omissione di atti d’ufficio o di altra fattispecie di reato.L’intimazione rivolta alla Regione è l’atto estremo a cui il Comitato è dovuto ricorrere dopo anni di attese e di inadempienze del Comune di Cagliari e della Regione, anni di sofferenze e di malattie per i residenti. Risale infatti al lontano 12 agosto 2013 la Relazione dell’ARPAS sui rilevamenti fonometrici, eseguiti in piazza Yenne su disposizione del Prefetto di Cagliari Alessio Giuffrida, relazione che così conclude: ” risulta necessaria l’adozione di uno specifico ed apposito piano di risanamento …. il superamento dei limiti è talmente rilevante che supera ampiamente il valore di attenzione che è il valore di rumore  che segnala la presenza di un potenziale rischio per la salute umana e  per l’ambiente” (p.10). Seguirono nel 2014 rilevamenti fonometrici, per oltre tre mila ore, nel quartiere Marina, sempre su disposizione del prefetto. La Relazione dell’ARPAS del 29 settembre così si esprime: ” i valori rilevati giustificano le segnalazioni di disturbo da parte dei cittadini e peraltro evidenziano la presenza di un potenziale rischio per la salute umana e per l’ambiente … ai sensi dell’art. 7  c.1 della L. 447/95 e dell’art. 6 c.2 del DPCM 14/11/1997 risulta necessaria l’adozione di uno specifico Piano di Risanamento Acustico” (p.28).Nel gennaio del 2015 arrivò la Sentenza del TAR di condanna del Comune di Cagliari per grave inquinamento acustico ambientale e violazione dell’art. 32 della Costituzione (“La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività”). La Sentenza con l’indicazione a provvedere (inibizione totale o parziale delle attività economiche inquinanti) è ancora oggi inapplicata.“A partire da quella data seguirono molteplici richieste alla Regione di esercizio dei poteri sostitutivi ed al Comune di Cagliari ad adempiere agli obblighi di legge. Ma invano, nonostante il Sindaco sia responsabile della salute dei suoi cittadini”, si legge nel comunicato.“I molteplici rilevamenti fonometrici eseguiti negli anni, oltre quelli dell’ARPAS, hanno evidenziato lo stato di aggravamento dell’inquinamento acustico urbano, come quelli  della VDP, incaricata nel 2016 di un Piano di Risanamento Acustico che non è mai arrivato alla luce. Rilevamenti fonometrici che quantunque eseguiti tra il 31 marzo e il 1° aprile de 2017 e cioè in bassa stagione, hanno messo in luce un quadro drammatico dell’inquinamento acustico urbano: basta considerare gli 81 decibel del corso Vittorio Emanuele a cui corrisponde un impatto acustico di oltre 1000 volte quello consentito.

Le sofferenze dei residenti, la costrizione alla  fuga di tanti di loro dalla città con gravi perdite anche economiche, il degrado inarrestabile dei quartieri del centro storico (l’inquinamento acustico è degrado assoluto, è invivibilità nelle abitazioni), le inadempienze del Comune e della Regione, costringono oggi il Comitato a passi decisivi. La tutela della salute, che non ammette deroghe né  mediazioni, viene prima di ogni altro diritto”.

L'articolo Movida e schiamazzi a Cagliari, i residenti della Marina alla Regione: “Fateli smettere o vi denunciamo” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.