Morto uno dei ricoverati contagiati a Bosa, positivi due operatori sanitari
Si aggrava la situazione dopo la scoperta di un focolaio Covid al “Mastino”

Ci sono anche due operatori sanitari fra i positivi al Coronavirus nel reparto di Medicina dell’ospedale di Bosa: lo hanno rivelato i tamponi molecolari fatti anche tra il personale ospedaliero, dopo la scoperta di una quindicina di pazienti contagiati. “Purtroppo uno dei pazienti risultati positivi è deceduto poche ore dopo l’esito del test”, annuncia il sindaco di Bosa, Piero Casula.

“L’aggiornamento dei dati ufficiali dell’Ats segnala per il nostro Comune 10 persone positive in quarantena a casa e altre 6 ancora ricoverate in ospedale”, dice il sindaco. Quei sei sono probabilmente i pazienti che ancora attendono di essere trasferiti dal reparto Medicina del “Mastino” verso i reparti Covid di altri ospedali.

Casula ha chiarito inoltre che la contestazione di ieri sulla mancanza di comunicazioni tempestive sul focolaio di Covid-19 scoperto all’ospedale era diretta “non alla Assl di Oristano ma all’Ufficio di Igiene del Distretto di Bosa”, con il quale evidentemente i rapporti sono complicati.

Martedì, 30 marzo 2021

L'articolo Morto uno dei ricoverati contagiati a Bosa, positivi due operatori sanitari sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.