Oristano

La situazione resta sempre molto grave

E’ morto questa  sera al pronto soccorso dell’ospedale San Martino di Oristano uno dei malati covid ricoverati negli spazi del presidio e che non si era riusciti a trasferire nei reparti specializzati dell’isola.

Aveva 89 anni e  le sue condizioni di salute erano parse subito molto gravi. I sanitari hanno applicato tutti i protocolli di cura utilizzabili, ma purtroppo non c’è stato nulla da fare.

Sempre questa sera un altro paziente covid ricoverato in pronto soccorso, e le cui condizioni sono state giudicate critiche, è stato trasferito in una struttura specializzata dell’isola.

Attualmente sono 8 i pazienti covid presenti al pronto soccorso, dove si continua ad operare in assoluta emergenza per la difficoltà di spostare negli ospedali attrezzati  i malati che  hanno riempito ormai il presidio da alcuni giorni. Si sono venute a determinare condizioni di estrema precarietà, tanto da fare temere per la chiusura del servizio, evitata sinora solo grazie all’abnegazione del personale impegnato nel pronto soccorso.

-segue-

leggi anche
Ospedale Ghilarza occupato ingresso reparto covidSanità
Emergenza covid: pronto soccorso alla paralisi, si va verso la riapertura del reparto di Ghilarza

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.