È stata fissata a fine mese la prima udienza del processo a carico dell’autista di autobus dell’Arst, accusato di omicidio colposo per aver investito con il pullman lungo 18 metri che guidava Antonio Meloni, studente di 14 anni che morì sotto gli occhi dei suoi amici mentre stava andando a scuola. L’episodio è avvenuto il 24 novembre del 2017.
Per l’autista, difeso dall’avvocato Nicola Satta, era arrivata la richiesta di rinvio a giudizio a marzo di due anni fa, dopo l’opposizione dei legali della famiglia del ragazzo all’archiviazione del caso. Dopo una nuova perizia tecnica, il giudice a ottobre scorso aveva imposto al pm di formulare l’imputazione per omicidio colposo nei confronti dell’autista dell’Arst, accusato di aver solo rallentato e non stoppato l’autobus come invece avrebbe dovuto. L’incidente si era verificato alle 7.30 del mattino nel piazzale antistante il cimitero di Ittiri, nel sassarese, dove tantissimi studenti ogni giorno prendono i bus per raggiungere le scuole di Sassari e Alghero.

L'articolo Morì a 14 anni a Ittiri schiacciato dal bus che doveva portarlo a scuola: autista a processo per omicidio colposo proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.