Mastelli spariti ogni due per te, fiancata dell’automobile rigata ed escrementi lasciati come “ricordino” sul cofano. “Tutto nel giro di pochi mesi”. Succede a Monastir, in via Verdi: lì, da 7 anni, abita Roberto Casu, commesso in un centro commerciale dell’hinterland cagliaritano ed un lungo passato da vigilantes. L’uomo non nega di sentirsi “esasperato e preoccupato”. I primi problemi “qualche mese fa: mi è sparito un mastello. Non ho denunciato il fatto, e il mese scorso è successo di nuovo, qualcuno si è portato via il bidoncino dell’umido. Da poco, inoltre, tutto il cofano dell’automobile che lascio parcheggiata davanti alla mia abitazione è stata riempita di escrementi”. Finita qui? Manco per idea. “Cinque anni fa mi è stato rubato del materiale edile e dei documenti. In quel caso ho fatto denuncia alle Forze dell’ordine, ma poi non è cambiato nulla”.

Soluzione “estrema”? Fili e cacciaviti “per installare tre telecamere ad alta risoluzione e collegate tra loro in rete. Le ho posizionate verso la strada, spero di beccare i danneggiatori e i ladri che mi tormentano da tempo. Insieme a me vive anche mio figlio, non abbiamo mai avuto nessun tipo di problema”.

L'articolo Monastir, mastelli rubati e auto riempita di escrementi: “Costretto a proteggermi con tre telecamere” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.