Moby Prince: Bonarcado ricorda il suo giovane di 22 anni morto nella strage
Il Comune solidarizza con i familiari e chiede risposte sulla tragica vicenda

Lo striscione affisso a Bonarcado

Bonarcado ricorda la strage del Moby Prince, nel quale 30 anni fa, perse la vita un giovane del paese Raimondo Vidili, morto nel rogo del traghetto bruciato nel porto di Livorno. Il Comune ha fatto affiggere uno striscione per chiedere verità e giustizia che, 30 anni dopo, ancora non ci sono. Un’iniziativa assunta d’intesa col Comitato dei familiari delle vittime.

“Esattamente 30 anni fa, il 10 aprile 1991, si compì la più grande strage marittima italiana”, si legge in una nota del Comune. “Il traghetto Moby Prince entrò in collisione con la petroliera Agip Abruzzo. Nel rogo morirono 140 persone tra cui il bonarcadese appena ventiduenne, Raimondo Vidili”.

“Ancora oggi non ci sono risposte. Ancora oggi nessuno sa cosa sia successo ne perché nessuno sia riuscito a salvarsi nonostante il traghetto fosse poco distante dal porto di Livorno”.

“I familiari delle vittime, riuniti in un’associazione”, prosegue la nota del Comune di Bonarcado, “dopo trent’anni combattono ancora per avere una risposta. Verità e giustizia in memoria delle 140 vittime, verità e giustizia per le famiglie straziate ancora da un dolore lacerante”.

“E proprio per non dimenticare e rivendicare giustizia, abbiamo accolto senza remore la proposta dell’associazione #io sono141 e, come tantissimi altri comuni coinvolti, abbiamo fatto realizzare un banner che vuole essere un grido alla verità”.

“PER RAIMONDO E PER LE ALTRE 139 VITTIME ?

-segue-

L'articolo Moby Prince: Bonarcado ricorda il suo giovane di 22 anni morto nella strage sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.