Ventinove anni lui, vigilante, ventisette lei, cassiera. Mirko Spano e Alessia Orrù si preparano a diventare genitori. La loro prima figlia, “nome già scelto, Rebecca”, nascerà tra poco: “Il 22 maggio è il giorno previsto per il parto”, spiega l’uomo, che ha contattato la nostra redazione per poter fare una richiesta alla direzione del Policlinico di Monserrato molto particolare e, allo stesso tempo, importante. Ovvero, la possibilità di assistere al parto della sua bambina. Nel polo monserratino è ancora vietato, a causa dell’emergenza Coronavirus, per i papà, stare accanto a compagne e mogli in sala parto o nel reparto: “Sono disposto a farmi fare il tampone, pagando ciò che c’è da pagare, e mettermi tuta, guanti e mascherina, anche doppia”, spiega Cossu. “Non voglio perdermi il momento della nascita della mia prima figlia, sono nove mesi che attendo questo momento con trepidazione”.

“Ho anche scritto un’email alla direttrice del reparto, formulando le stesse richieste, ma senza ottenere nessuna risposta. Non sono egoista, potrei essere positivo o positivo asintomatico? Il tampone lo può definire, anche perchè allora, perchè chi deve fare visite normali può comunque entrare dentro l’ospedale? Non voglio stare lontano dalla mia compagna in quello che sarà un momento importantissimo e unico, spero che da qui al ventidue maggio prossimo la situazione possa cambiare, ma sono disposto a tentare tutto ciò che posso per poter realizzare questo mio desiderio”.

L'articolo Mirko di Sestu: “Voglio assistere al parto della mia compagna a Monserrato, posso pagare il tampone” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.