Vendita a sedicente svizzero finisce in furto al ristorante

(ANSA) - MILANO, 30 AGO - Era venuto in Italia per 'piazzare' una sua opera, una statuetta d'oro da lui stesso realizzata, a un sedicente facoltoso acquirente svizzero. Invece un artista francese di 31 anni è dovuto andare a far denuncia alla polizia: la sua statuetta ha preso il volo, rubata dall'ignoto compratore, e lui non ha visto nemmeno un euro del quasi mezzo milione di valore.

E' accaduto ieri pomeriggio in piazza del Duomo, dove i due, dopo una serie di contatti telefonici preliminari, avevano deciso di incontrarsi. L'artista, titolare di una società inglese che si occupa di opere d'arte orafe, una ditta artigianale famigliare con laboratorio nel sud della Francia, ha incontrato il promettente imprenditore, disposto sulla carta a sborsare 450mila euro, in un ristorante a ridosso della cattedrale. Dopocena, concluso l'affare, il francese si è recato, come galateo vuole, a pagare il conto. Ma sono bastati quei minuti al ladro per sparire con la statuetta, lasciando l'artista nella disperazione.

L'uomo è giunto in tarda serata in questura in via Fatebenefratelli, dove ha sporto denuncia suscitando però più di un interrogativo ai poliziotti. Poco chiaro, infatti, come sarebbe avvenuta la transazione, probabilmente in contanti, quindi vietata, per tali importi, ed esattamente in quali termini finanziari. Della statuetta, di un chilo e trecento grammi, non c'è più traccia, e di essa gli investigatori al momento non dispongono nemmeno di una foto. (ANSA)

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.