“Il Governo continua a fare lo struzzo sulla rotta dell’immigrazione clandestina Algeria-Sardegna”. La denuncia politica è di Ugo Cappellacci, deputato e coordinatore regionale di Forza Italia-Sardegna, che sulla questione, fin dal 2018, ha presentato una serie di interrogazioni e interpellanze. “Ora, come abbiamo sottolineato nell’ultima interpellanza presentata a fine maggio, arrivano anche i primi migranti positivi al COVID 19 – prosegue l’esponente azzurro- ed è incredibile che, mentre gli italiani sono rimasti chiusi in casa per mesi, il Governo tenga le frontiere spalancate, rischiando sia nuove conseguenze sul piano sanitario sia ulteriori danni alla nostra economia. Si rischia di vanificare gli sforzi sostenuti dalla collettività durante il cosiddetto lockdown e la speranza di un’isola che in questi giorni non registra contagi interni e che vuole uscire al più presto dall’incubo della pandemia, facendo per una volta della propria condizione geografica un vantaggio e non più la causa di un divario. Si deve lavorare per riavviare tutte le aziende, non le ‘fabbriche dell’immigrazione’. La Sardegna non può pagare a caro prezzo le amnesie – ha concluso Cappellacci- che nulla ha fatto per arginare un’immigrazione senza criteri e senza controlli, che nulla ha a che fare con l’accoglienza umanitaria”.

 

L'articolo Migrante positivo al Covid in Sardegna, Fi: “Italiani chiusi in casa e Governo spalanca le frontiere” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.