Ex First Lady su Instagram commenta su atteggiamento presidente

(ANSA) - NEW YORK, 17 NOV - "Questo non è un gioco". Michelle Obama interviene con un lungo post su Instagram sul rifiuto del presidente Donald Trump di accettare il risultato delle elezioni e di consentire la regolare transizione del presidente eletto Joe Biden alla Casa Bianca.

L'ex First Lady spiega che una delle grandi responsabilità di un presidente è quella di ascoltare quando si esprime il popolo e anche se è stata dura per loro accettare la vittoria di Trump nel 2016 tutto il personale all'epoca fu istruito in modo da consentire un pacifico passaggio di testimone.

"Invitammo - scrive - la squadra del presidente eletto nei nostri uffici e preparando loro delle note dettagliate su ciò che avevamo imparato negli ultimi otto anni e così come avevano fatto con noi George e Laura Bush". Conclude poi divento che l'amore per il paese richiede di rispettare il risultato delle elezioni anche quando non piace perché la presidenza non appartiene ad un solo individuo o ad un partito. "Fingere che lo sia - dice - giocare con queste teorie cospirative senza base, sia per motivi personali che politici, vuol dire mettere in pericolo la salute e la sicurezza del paese". (ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.