Positiva al Coronavirus, tampone negativo dopo 14 giorni in farmacia ma, due giorni più tardi, il molecolare segna l’esatto opposto: positivo. È successo ad una 53enne cagliaritana che fa la commessa. A raccontare il fatto è la sua nipote, Cristina Cappai, quarantottenne di Quartucciu, responsabile del dipartimento delle Politiche sociali nel coordinamento provinciale di Cagliari di Fratelli d’Italia: “Mia zia ha fatto il tampone a casa, risultato negativo. Poi, sabato scorso è stata in farmacia, spendendo 15 euro per un antigenico rapido: ancora negativo. A quel punto, ha subito avvisato il suo titolare. Lui, però, le ha detto di fare anche il molecolare per sicurezza”. Consiglio-richiesta quanto mai azzeccato: “Lunedì mia zia è andata in una clinica privata di Quartu, ha pagato circa ottanta euro e ha scoperto di essere ancora positiva”. Così, è dovuta ritornare a casa, ancora in isolamento. Una situazione “assurda”, denuncia la Cappai. “Ho anche telefonato alla farmacia in questione per chiedere chiarimenti, mi è stato risposto che si sa che i tamponi rapidi non sempre sono efficaci”.Grazie al suo ruolo all’interno del coordinamento provinciale del partito meloniano, la Cappai spiega di aver ricevuto “molte segnalazioni di casi identici a quello capitato alla mia parente. Perché lo Stato ha abilitato le farmacie e questo tipo di tamponi? Perché un lavoratore deve pagare di tasca propria un molecolare per due o anche per tre volte perché l’Ats è inesistente? In giro è pieno di positivi convinti di essere negativi”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.