Partita da Milano Linate alle 21:15, ieri, e atterrata a Elmas verso le 22:40. Una 67enne di Assemini, al momento dei controlli, si è però trovata a vivere un’odissea. A raccontarla è il figlio, Stefano Corona: “Siamo a Milano perchè mio padre si trova ricoverato per un serio problema di salute. Ieri, mia mamma è tornata in Sardegna e aveva il certificato del test antigenico rapido fatto qui in Lombardia e pagato trentacinque euro. Ma gliel’hanno rifiutato perchè la firma del medico risulta illeggibile”, racconta il figlio, che ha mandato alla nostra redazione la copia del documento. “Gli addetti ai controlli le hanno detto che non c’era nemmeno il timbro, ma io mi sono informato bene e mi era stato detto che sarebbe bastato presentare l’esito del tampone effettuato entro le 48 ore precedenti al viaggio”. E, infatti, la data riportata è quella del 24 marzo, il giorno prima della partenza della sessantasettenne. Ma non è bastato, stando al racconto del figlio: “Ha dovuto sottoporsi al test antigenico rapido proposto da Regione e Ats, e attendere quasi 45 minuti, buttata all’aeroporto, l’esito, fortunatamente negativo”.“Ora: la firma può anche non essere leggibile, ma la Regione non l’ha mai specificato. È stata un’odissea, abbiamo buttato al vento ben trentacinque euro. Perchè si pretendono i tamponi quando, poi, le persone spendono soldi inutilmente visto che vengono invalidati dal personale? Chi ci renderà quei soldi?”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.