Ha 43 anni ed è di Quartucciu, Sando Loporto. Un nome conosciuto nel mondo sportivo, è infatti presidente di un’associazione dilettantistica di volley, “ruolo per il quale non prendo nemmeno un euro”. Le domeniche, dal 2010 e sino a tre mesi fa, Loporto ha venduto abbigliamento e oggettistica varia nel microcosmo molto “originale” che ruota attorno al mercatino di piazzale Trento a Cagliari: “Mi mettevo nelle stradine laterali, ho una bella bancarella abbastanza grande. Adesso come farò per vivere? In un mese, quattro domeniche, riuscivo a farmi non più di trecento euro. Ho due genitori anziani e malati, anche mio fratello non sta bene e devo seguirlo. Quando moriranno loro, che cosa ne sarà di me?”, chiede, con molta tristezza, Loporto.

“Stiamo già facendo la fame da tre mesi, cioè da quando è iniziato il lockdown legato al Coronavirus. Lunedì contiamo di andare a protestare e a farci sentire sotto le finestre del sindaco Truzzu. Lui deve trovare una soluzione per le centinaia di persone che riuscivano a guadagnarsi qualcosina col mercatino”. E, anzi, Loporto ha già pronta una proposta, per quanto sia difficile che possa trovare accoglimento: “Il Governo vuole creare la figura dell’assistente civico? Bene, perchè il sindaco di Cagliari non impiega loro, o chi percepisce il reddito di cittadinanza, per far controllare che dentro il mercatino e nelle strade limitrofe tutto fili lsicio?”.

L'articolo “Mercatino di viale Trento chiuso? Fame assicurata: Truzzu, protesteremo sotto le tue finestre” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.