A nome dei pastori sardi, Fabio Pisu, Gianuario Falchi, Nenneddu Sanna , Antonio Doa e Gianluigi Argiolas esprimono "forte dissenso" per la ripartizione delle quote dei fondi di spesa pubblica del Feasr assegnati alla Sardegna. "Per la nostra Isola - spiegano - nella programmazione 2023-2027 sono state assegnate quote pari a 819.493.113 euro, circa 470.000.000 in meno rispetto al quinquennio 2014-2020 tenendo conto della riduzione del budget a livello nazionale.

Uno dei principi della nuova Politica agricola comunitaria - aggiungono - è quello di aiutare le regioni a lento sviluppo a raggiungere i livelli di quelle più evolute, cosa che non è stata fatta in questa ripartizione. Si è voluto utilizzare un nuovo metodo non riconoscendo alla nostra terra quelle quote aggiuntive che gli sarebbero dovute essere attribuite e ad oggi la nostra Isola si ritrova con un livello dei titoli tra i più bassi di Italia".

Inoltre, secondo i pastori, bisogna fare i conti con "l'esclusione dell'ovicaprino dall'ecoschema 1 a livello 2 , la richiesta per l attestazione del pascolamento brado/semibrado (bovini e suini) di certificazione Sqnba che ad oggi non possiede nessuno o quasi" "Ora - dicono i pastori - la pazienza è terminata: politici e associazioni di categoria devono spiegarci questi pessimi risultati e invitiamo tutti i nostri colleghi a prepararsi a difendere i nostri comparti". 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Fonte: Ansa Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.