Medici di famiglia pronti a vaccinare: c’è l’accordo con la Regione
Ma a Oristano molto ancora da definire sulle somministrazioni delle dosi anti-covid

Vaccini contro il covid

È stato raggiunto l’accordo tra la Regione Sardegna e i medici di base sul loro utilizzo nella campagna vaccinale anti Covid-19. Secondo il documento siglato da Fimmg e Smi, i medici possono somministrare i vaccini in centri negli hub dall’Ats, nel proprio studio (se possibile), in strutture messe a disposizione dai Comuni o dalla Protezione civile, presso il domicilio del paziente.

“È un accordo sottoscritto il linea di massima, senza avere ancora la percezione degli hub vaccinali”, spiega il segretario della Fimmg provinciale, Alessandro Usai in riferimento alla situazione Oristanese. “L’accordo è stato siglato sulla base della fascia di età degli ultraottantenni e il vaccino che si sta utilizzando – il Pfizer – non è così utilizzabile negli studi medici, a meno che non sia uno studio di gruppo, e ancora meno a domicilio”.

“Il vaccino dovrà essere preparato, cioè diluito, e somministrato entro due ore. Va da se che, a meno di avere pazienti che vivono nelle vicinanza, considerano anche i 15 minuti di attesa per accertare che non ci siano effetti avversi, non è praticabile”.

“Saranno più gestibili negli studi e a domicilio i vaccini Moderna e Johnson & Johnson”, precisa Usai, che conferma l’assoluta necessità di un coinvolgimento dei medici di famiglia nei punti vaccino organizzati territorialmente dalle Assl: “Saranno spazi più idonei per le convocazioni e con maggiore assistenza”, precisa il segretario oristanese del sindacato Fimmg. “Negli ambulatori e a domicilio non ci sono le condizioni per fare le cose in maniera confortevole”.

Alessandro Usai

Alessandro Usai ha contestato la limitatezza dell’accordo: “E’ riferito solo alla fascia di età degli ultraottantenni sulla quale attualmente si stanno eseguendo le vaccinazioni, abbiamo insistito perché fosse globale, ma così non è stato. È una situazione fuori da ogni logica”.

La remunerazione di base è di 6,16 euro per ogni singola inoculazione, più 3,34 euro quale contributo straordinario per la funzione organizzativa connessa alla vaccinazione. Chi effettua vaccinazioni a domicilio avrà un compenso maggiorato. Nel caso di somministrazione in casa ad assistiti con gravi limitazioni allo spostamento, è consegnato al singolo medico, col kit vaccinale, un numero di fiale non superiore al 3%, proporzionato al numero totale dei propri assistiti in carico. I medici sono tenuti a registrare ogni somministrazione attraverso il sistema informativo regionale Avacs.

L’accordo sarà efficace una volta adottato il provvedimento legislativo per la copertura finanziaria.

Giovedì, 18 marzo 2021

L'articolo Medici di famiglia pronti a vaccinare: c’è l’accordo con la Regione sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.