“Siamo ottimisti, ci sono le condizioni per poter riaprire. Basta solo che ci dicano come fare. Abbiamo la necessità di lavorare. Anche se oramai si tratta solo di sopravvivenza delle aziende”. Così Marco Medda, presidente di Confesercenti Sud Sardegna, commenta l’ipotesi della zona bianca per la Sardegna che potrebbe scattare, se i dati attuali verranno confermati, dalla settimana prossima. “Ragioniamo col buon senso: se puoi mettere 20 ragazzi in un’aula come puoi non metterne 40 in ristorante?”, si chiede Medda, “noi vogliamo proteggere i nostri clienti. Con la zona bianca faremo una proposta esplicita. Lavorare su prenotazione, anche perché così puoi operare in sicurezza e rintracciare facilmente i clienti.

Per l’estate  chiederemo che venga utilizzato il maggiore spazio pubblico all’aperto. I contagi sono esplose nelle discoteche e non nei ristoranti. Dobbiamo trovare una soluzione. Perché un’altra estate con le attività chiuse per molti significa chiudere per sempre. Sarebbe la fine di patrimonio di esperienze maturato negli anni. Rischiamo di distruggerlo completamente. Quartieri come la Marina potrebbero cambiare volto”.

L'articolo Medda, Confesercenti a Radio Casteddu: “Fateci riaprire o rischiamo di far sparire i ristoranti” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.