Il maxischermo con la foto di don Giani Paderi e il mare sullo sfondo è stato il modo migliore di onorare la memoria del parroco, morto a 77 anni dopo aver guidato, negli ultimi venti, la vasta comunità quartese degli abitanti di Flumini, nella chiesa di Santa Maria degli Angeli. Commozione e tante lacrime al suo funerale, che è stato celebrato dall’arcivescovo Giovanni Baturi. Presenti anche una cinquantina di sarcerdoti, oltre al vicario generale, monsignor Ferdinando Caschili. Il parroco se n’è andato dopo due settimane di battaglia all’ospedale, era stato colpito da una vasta emorragia cerebrale. E non tutti i fedeli sono riusciti a trovare posto nella chiesa di via dei Nasturzi. C’è chi è rimasto fuori e, occhi bassi e mani giunte, non ha smesso un secondo di pregare per quel sacerdote amante del mare, che è riuscito sempre a guidare parrocchie, da Solanas alla stessa Quartu Sant’Elena, vicinissime alle spiagge. Un lungo applauso ha accompagnato l’entrata e l’uscita della bara. Poi, l’ultimo viaggio. Don Gianni Paderi riposerà per sempre nel cimitero della sua città natale, Quartucciu, accanto ai genitori: “Resterai per sempre nei nostri cuori”, questa la frase detta dai tanti quartesi presenti per l’ultimo e solenne abbraccio al parroco.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.