Sergio Mattarella fa il pienone e, con 759 preferenze all’ottava votazione, è di nuovo presidente della Repubblica, il secondo più votato di sempre dopo Sandro Pertini. Il capo dello Stato, ufficialmente proclamato alle 20.54, aveva dato la sua disponibilità ai capigruppo parlamentari nel pomeriggio, dopo che per cinque giorni i partiti di entrambe le coalizioni si sono rivelati incapaci di offrire un’alternativa. Tutti in piedi, lunghissimo applauso e gesti di esultanza soprattutto nei banchi del centrosinistra al momento del raggiungimento del quorum a maggioranza assoluta, fissato a quota 505. La riconferma di Mattarella, che fa tirare un sospiro di sollievo sicuramente ai parlamentari che conservano gelosamente il loro seggio, ma soprattutto al Paese, che rischiava di finire in balia di giochi politici che potevano far precipitare la nazione nel baratro, con i partiti in frantumi e i leader in crisi nera. superato Cossiga (752)

Felici anche gli italiani: presidente amatissimo, Mattarella viene considerato una garanzia per tutti.

L'articolo Mattarella fa il pienone: con 759 voti è di nuovo presidente della Repubblica proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.