Mario Zedde di Cagliari, 39 anni, ha un ristorante in via Barcellona. Ai microfoni di Radio Casteddu racconta: “Ho investito tutti i miei miei soldi in questo ristorante e non ho più nulla”.“Sono chiuso a casa perché non posso lavorare, non faccio asporto a domicilio perché la cucina che pratico non si presta per l’asporto. Io il 15 non aprirò per protesta perché è facile dire ‘non penso alle multe’, perché c’è chi se lo può permettere. Io che ho aperto soltanto da un anno, non ho le spalle così coperte per pagarmi le multe, non me lo posso permettere. Sono sempre stato una chef, ho girato il mondo: Londra, Panama, Dubai, Palma di Maiorca, Grecia. Sono tornato qui e ho avuto la possibilità di mettere le radici a Cagliari, investendo tutti i miei soldi. Finché mi hanno fatto lavorare io ho lavorato benissimo, ma in quest’ultimo periodo ho perso tutti i soldi che avevo guadagnato. Ho recuperato in estate e ho riperso tutto ora in inverno”.Tante inoltre le tasse da pagare:“L’unica cosa che hanno smesso è stata l’Irpef ma tutto il resto è arrivato. Solo per l’Inps ho pagato 5 mila euro e di Tari mille euro. Ho perso 15 mila euro in un paio di mesi. Non mi posso permettere più niente, neanche di pagare l’affitto per il ristorante. Sto organizzando con un gruppo di ristoratori un incontro con gli avvocati per chiedere i danni al governo”.Risentite qui l’intervista a Mario Zedde di Paolo Rapeanu e Gigi Garau https://www.facebook.com/castedduonline/videos/735703547073224/e scaricate gratuitamente l’APP di RADIO CASTEDDUhttps://play.google.com/store/apps/details?id=com.newradio.radiocastedduonline

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.