Mario Farris, 45 anni, è un lavoratore storico, da 17 anni, del cinema di Quartucciu: si stava per riaprire e, poi, la luce del cinema è rimasta spenta. Una situazione triste: le persone non hanno più degli svaghi e i dipendenti sono senza lavoro e senza cassa integrazione. A Radio CASTEDDU spiega: “Noi avevamo attivato tutti i procedimenti a norma di legge e non si capisce perché i cinema non possano e non debbano lavorare. In più c’è la beffa della cassa integrazione, dei famosi Ristori, perché i lavoratori della nostra sede non percepiscono la cassa integrazione da circa 5 mesi. Questa è una situazione insostenibile e, inoltre, devono subire un rimbalzo di responsabilità tra azienda e INPS per ottenere delle risposte certe.L’unica nota positiva è che oggi abbiamo avuto una notifica da parte dell’INPS che, a quanto pare, inizieranno nei prossimi giorni i primi pagamenti di ottobre e novembre.Io devo ringraziare i miei genitori se non sono ancora in mezzo alla strada, perché il mutuo va pagato come l’affitto e le bollette e questo ritardo, con i pagamenti, comporta un sacco di preoccupazioni anche a livello psicologico. Io mi auguro che questa situazione si sblocchi al più presto anche con l’avanzare dei vaccini e che si possa tornare al proprio posto di lavoro”.Risentite qui l’intervista a Mario Farris del direttore Jacopo Norfo e di Paolo Rapeanuhttps://www.facebook.com/castedduonline/videos/519791139007745/e scaricate gratuitamente l’APP di RADIO CASTEDDUhttps://play.google.com/store/apps/details?id=com.newradio.radiocastedduonline

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.