“Stanno colorando le regioni con il nostro sangue”. Mario Dessì lo urla, durante la manifestazione di piazza Garibaldi a Cagliari organizzata da Fabio Macciò, dedicata a ristoratori e partite Iva. Ha una maglietta bianca dove c’è scritto l’articolo 1 della Costituzione, Dessì: quell’Italia fondata sul lavoro che, oggi, non c’è più. O, meglio, è in semi lockdown. Lavora in uno dei chioschi bar di viale Buoncammino, Mario Dessì: “Da generazioni, ci siamo quarant’anni. Pur essendo un locale all’aperto con tutti gli spazi necessari per lavorare, da oltre un anno non mi permettono di dar da mangiare e di sostenere le mie famiglie”, afferma. “L’asporto non rende, ti devi collegare a piattaforme che chiedono cifre esorbitanti. La ristorazione ha esigenze diverse dalle pizzerie, non posso consegnare un piatto pronto e caldo come in un tavolo. Sono in lockdown, anche il fatto di poter aprire solo per l’asporto non consente di campare. Prima ci vivevamo in sei famiglie, ora in tre e non ci stiamo dentro lo stesso”

 

“Mi aiuta la mia famiglia, sennò non mi basterebbe la cassa integrazione che mi è arrivata, da novembre ad oggi ho ricevuto nemmeno settecento euro. Sono aiuti insufficienti, da fame. Non posso comprare nemmeno la roba per la scuola per mio figlio. I chioschi sono l’unica attività che realmente potrebbero lavorare in sicurezza”. Ma la chiusura, parziale, invece è realtà. “Oltre al danno, la beffa”.

L'articolo Mario, barista disperato di Cagliari: “Stanno colorando le regioni con il nostro sangue” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.