Sabato 28 novembre dalle 16,30 si svolgerà on line (in diretta sulla pagina fb Marina Family Friendly) l’evento finale di Marina Family Friendly, progetto partito lo scorso anno a Cagliari con l’obiettivo di creare una rete di supporto, integrazione e conoscenza tra culture diverse.

Ideato dalla cooperativa sociale Si può fareMarina Family Friendly ha, attraverso il ricco ventaglio di attività proposte (atelier artistici e/o laboratori di benessere psico-fisico, seminari tematici, incontri sociali), reso più agibile il concetto di multiculturalità, operando soprattutto in quel quartiere del capoluogo sardo (La Marina) dove più alta è la concentrazione di migranti.

A un anno dal via all’iniziativa, resa possibile grazie alla collaborazione con un nutrito gruppo di partner (Comune di Cagliari, La Bottega dei Sogni, associazione EfysMuseo e Area archeologica di Sant’Eulalia, Parrocchia di Sant’Eulalia, Hostel Marina, associazioni Luna di Donna, Il Sicomoro, L’Eptocordio e ristorante Manamanà), e dopo lo stop ad alcune sue attività imposto dall’emergenza sanitaria, ora è il tempo di mostrare il prezioso bagaglio vissuto nell’incontro con l’altro e nell’incontro con le varie declinazioni culturali di famiglia.

In questo senso l’appuntamento di sabato vuole promuovere ulteriori riflessioni attraverso i contributi degli esperti chiamati a intervenire: Stefania Russo, presidente della cooperativa Si può fareClara Corda, presidente dell’Associazione AIDOS Sardegna (Associazione Donne per lo Sviluppo), Ghidey Sebhat, mediatrice interculturale e referente dell’associazione ArcoirisFilomena Cappiello e Mauro Ledda, coordinatori nazionali del Network Family in Italia. Modererà il confronto Gisella Congia, psicologa esperta di genitorialità e coordinatrice del progetto Marina Family Friendly.

Ad arricchire l’evento ci saranno la presentazione di un video e del volume “MFF- Esperienze, raccolta di scritture intime e narrative su esperienze personali di famiglia e multiculturalità”.

Il video (https://www.youtube.com/watch?v=ThQ_otUjzWg), girato e curato da Daniele Arca, ha una durata di 10 minuti ed esplora il tema della multiculturalità attraverso la voce degli operatori culturali e sociali che hanno partecipato agli incontri del progetto.

Nell’opuscolo cartaceo (45 pagine curate dalla cooperativa Si può fare) confluiscono invece scritture intime e narrative sulla creazione della propria famiglia in un contesto multiculturale: storie che aprono a scenari di riflessioni profonde sul tema dell’interculturalità, delle nuove generazioni, del pregiudizio e della ricchezza culturale che già investe il nostro territorio. Impreziosiscono questa pubblicazione i disegni di giovani artisti tra i 4 e i 13 anni che hanno donato la loro visione spontanea e immediata del “ritratto della famiglia”: ognuno di loro racconta una famiglia in cui culture diverse sono confluite e si sono sapientemente amalgamate.

Marina Family Friendly è finanziato dalla Regione Sardegna – Assessorato del lavoro, formazione professionale, cooperazione e sicurezza sociale – L.R. 46/90 piano annuale immigrazione 2019/2020 – Progetti innovativi e qualificati in materia di Politiche di Integrazione degli Immigrati non comunitari.

L'articolo Marina Family Friendly, sabato dalle 16,30 è in programma l’evento di chiusura del progetto proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.