Marco Mereu, 38 anni, psicoterapeuta, ai microfoni di Radio Casteddu espone come si sta vivendo la situazione legata alla pandemia dal punto di vista psicologico: “Sicuramente c’è un forte senso di frustrazione, di angoscia e preoccupazione.Queste emozioni sono la reazione a questa situazione di emergenza che da quasi un anno ci coinvolge. Ma è chiaro che la risposta che abbiamo a questa situazione è soggettiva quindi dipende molto da come ognuno di noi la vive e quali risorse mette in gioco nel rispondere alla quotidianità difficile.I bambino, gli adolescenti nella loro ingenuità non hanno la capacità di preoccuparsi, quello è un qualcosa che si acquista con l’età adulta; possiamo dire che il lockdown ha bloccato i ragazzi a casa con l’impossibilità di trovarsi all’interno del contesto scolastico. Con la didattica a distanza si è accentuato l’uso dei social che oggi non vengono utilizzati solo dai bambini e dagli adolescenti ma anche dagli adulti. Questo è un periodo storico molto difficile, i social ci permettono per esempio di non essere mai soli, di essere sempre a contatto con qualcuno. Siamo nell’epoca dell’onnipotenza dove chiunque può dire qualsiasi cosa ed essere potenzialmente notato, visto in ogni parte del mondo”.Risentite qui l’intervista a Marco Mereu del direttore Jacopo Norfo e di Paolo Rapeanuhttps://www.facebook.com/castedduonline/videos/131784582110754/e scaricate gratuitamente l’APP di RADIO CASTEDDUhttps://play.google.com/store/apps/details?id=com.newradio.radiocastedduonline

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.