E’ morta la donna di 71 di Maracalagonis anni ustionata nel rogo del mese scorso in via Di Vittorio. Si chiamava Paola Cocco. I funerali si terranno domenica alla 15: 30 nella parrocchia Vergine degli Angeli di Maracalagonis.

Il 24 gennaio scorso scintille fuoriuscite da un caminetto avevano causato un incendio dopo il rogo di divano all’interno dell’abitazione. Un disabile di 41 anni, immobilizzato sulla sedia a rotelle a seguito di un incidente stradale e sua madre, pure lei con problemi di deambulazione, si sono trovati in grave pericolo. Prima dell’arrivo dei Vigili del fuoco i carabinieri con l’aiuto di diversi civili, sono riusciti a portar fuori di casa  il disabile, per mezzo di una scala appoggiata su una finestra del retro dell’edificio, mentre una densa coltre di fumo impediva l’accesso dall’ingresso dell’abitazione. L’uomo è stato tirato giù attraverso un cordone umano. Grazie al successivo intervento dei vigili del fuoco, anche la madre è stata portata in salvo. Uno dei carabinieri ha dovuto ricorrere all’ausilio del 118 avendo respirato parecchio fumo nel tentativo di accedere all’abitazione dall’ingresso principale, ed è stato trasportato all’ospedale di Monserrato per i necessari accertamenti.

Oggi la donna è morta.

L'articolo Maracalagonis, addio a Paola Cocco: morta l’anziana ustionata nell’incendio della propria casa proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.