Mamme tra felicità e fatica dopo il parto: c’è il sostegno psicologico
L’Assl di Oristano ha varato un progetto per prevenire la depressione

Mamma da pochi mesi. Foto d’archivio

Lavorare per la salute della mamma e del neonato, favorendo lo sviluppo di una buona relazione fra l’una e l’altro fin dai primi giorni di vita del piccolo, e riconoscendo precocemente un eventuale disagio psicologico nel periodo successivo al parto, per intervenire tempestivamente grazie al supporto di psicologi esperti. Ecco gli obiettivi di “Mamma… naturalmente”, il progetto di prevenzione della depressione post partum nato dalla collaborazione fra il Servizio di Psicologia della Assl di Oristano, i Consultori familiari e il reparto di Ostetricia e Ginecologia dell’ospedale “San Martino”.

«La nascita di un figlio nella maggior parte dei casi rappresenta per i genitori un momento di estrema felicità”, spiega la psicologa Giuseppina Garippa, referente del progetto. “Ma può succedere che soprattutto la mamma viva emozioni contrastanti, come tristezza, fatica, malinconia o rabbia. Questi sentimenti negativi nella maggior parte dei casi si risolvono nel giro di qualche settimana dalla nascita. Altre volte possono diventare più forti e dolorosi. Per questo è fondamentale individuare precocemente i segni di un disturbo dell’umore legato al parto: la depressione post partum».

È qui che interviene il progetto “Mamma…naturalmente”: i professionisti del Servizio di Psicologia incontrano le neo-mamme nel reparto e, oltre a colloquio mirato a informare su come favorire il benessere psicologico di madre e bambino, le invitano a compilare un breve questionario per delineare i contorni del loro stato d’animo.

A distanza di circa un mese, le psicologhe dei Consultori contattano telefonicamente le mamme che hanno partecipato al progetto per proporre una seconda volta lo stesso questionario e rilevare eventuali variazioni nello stato d’animo. Nei casi in cui fosse necessario le mamme riceveranno un sostegno psicologico qualificato.

L’Assl di Oristano ricorda inoltre che le psicologhe dei Consultori familiari sono sempre a disposizione di tutte le neo-mamme per un supporto psicologico gratuito. Questi i contatti, suddivisi per territorio di competenza:

  • Ales/Mogoro/Laconi, dott.ssa M. Angela Ortu (tel. 0783.9111308/990539, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)
  • Bosa, dott.ssa Carmen Chelo (tel. 0785.225160, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)
  • Cabras/Oristano, dott.ssa Nadia Melis (tel. 0783.317700, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)
  • Ghilarza, dott.ssa Maria Vitalia Manca (tel. 0785.560414/560413, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)
  • Oristano, dott.ssa Claudia Marras (tel. 0783.317087, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)
  • Terralba, dott.ssa Sabina Deiana (tel. 0783 9111523, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.).

Martedì, 16 febbraio 2021

L'articolo Mamme tra felicità e fatica dopo il parto: c’è il sostegno psicologico sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.