Ieri a Elmas, i carabinieri della Stazione di Sant’Avendrace hanno dato esecuzione all’ordine di sospensione della misura degli arresti domiciliari, emesso nella stessa mattinata dall’Ufficio di Sorveglianza del Tribunale di Cagliari nei confronti di un 60enne di Settimo San Pietro, domiciliato a Elmas presso la comunità terapeutica “L’Aquilone” e già sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari. L’uomo, terminate le operazioni di rito, è stato trasferito presso la casa circondariale di Uta, dove dovrà espiare la pena di 1 anno e 4 mesi di reclusione per il reato di maltrattamenti in famiglia. Quello costituito dai maltrattamenti in famiglia non costituisce un reato minore, si protrae nel tempo e col tempo conduce a condanne anche gravi. Le vittime delle esternazioni moleste dell’uomo erano stati gli anziani genitori e una sorella. I carabinieri di Sinnai e l’autorità giudiziaria, nei rispettivi ruoli, avevano prodotto tutto il percorso cautelare previsto in questo casi, dall’allontanamento dalla casa familiare al divieto di avvicinarsi ai luoghi frequentati dalle vittime, agli arresti domiciliari, in modo da tutelare le parti lese che da parte loro hanno patito anche troppo.

L'articolo Maltratta gli anziani genitori e la sorella, in carcere a Uta 60enne di Settimo San Pietro proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.