Fordongianus

Situazione critica per il rilascio d’acqua da Pranu Antoni

Il Tirso ha esondato a Fordongianus, in seguito al rilascio d’acqua dalla diga di Pranu Antoni,  e i bagni termali a ridosso dell’area archeologica, sono stati allagati.

L’acqua, come riferito dal sindaco Serafino Pischedda, non è però arrivata all’area archeologica delle antiche terme romane.

Intanto dalla diga di Pranu Antoni, che invasa le acque del Flumineddu,  prosegue il rilascio controllato  a valle. E proprio Fordongianus è il primo centro interessato dal passaggio dell’acqua scaricata sul fiume Tirso.

Nel centro del Barigadu si continua a monitorare la situazione.

Nelle scorse ore la Direzione regionale della Protezione civile ha informato i comuni interessati che si è passati al regime “Allerta” per rischio idraulico a valle.

Lunedì, 29 novembre 2021

Grazie per aver letto questo articolo. Se vuoi commentarlo, accedi al sito o registrati qui sotto. Se, invece, vuoi inviarci un’informazione, una segnalazione, una foto o un video, puoi utilizzare il numero Whatsapp 331 480 0392 o l’indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.